RICCARDI ANDREA
SOCIAL JUNCTION
 
Oggi a Ozieri e in tutta la diocesi l'appuntamento che  porterà in città importanti esperti per una tavola rotonda sulla questione dell'accoglienza dei migranti.
 Si tratta del convegno diocesano "Il Mediterraneo, i rifugiati e le nostre terre", fortemente voluto dal vescovo monsignor Corrado Melis, e promosso con la collaborazione della Caritas, di Libera Sardegna, del Csv Sardegna Solidale con il patrocinio del Comune di Ozieri.
Relatore principale sarà Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio ed ex ministro per la Cooperazione e l'Integrazione.
Parteciperanno il sindaco di Ozieri Marco Murgia, il prefetto di Sassari Giuseppe Marani, il rettore dell`Università di Sassari Massimo Carpinelli, il referente di Libera Sardegna Gianpiero Farru, il vescovo Corrado Melis mentre il moderatore sarà il giornalista Paolo Matta. L'appuntamento è alle 17.30 nel teatro civico Oriana Fallaci.
L'intervento di Riccardi verterà, nello scenario mediterraneo, sulla situazione geopolitica e la grave crisi umanitaria creatasi con la guerra in Siria, nonché sull'attivazione dei corridoi umanitari per garantire un accesso sicuro e legale per chi fugge dalla guerra. Il dibattito sarà concluso dal vescovo di Ozieri, monsignor Corrado Melis.
Riccardi parteciperà anche all'inaugurazione del Centro di accoglienza "Le Grazie", con cui la diocesi locale dà risposta all'emergenza migranti: dal 2011 infatti la Caritas ozierese ha creato e gestisce il Centro di accoglienza straordinaria (Cas) nell'antico convento delle Benedettine, che ospita 25 profughi. Ora, con l'acquisto di un appartamento adiacente al convento, se ne potranno ospitare altri dieci.
Oggi pomeriggio, dopo i saluti del sindaco di Ozieri e del prefetto di Sassari, seguirà la presentazione della Comunità di Sant'Egidio da parte del presidente, Marco Impagliazzo. 
 
21 Luglio 2017


 
19 Luglio 2017

Andrea Riccardi è la persona giusta per la Presidenza della Società Dante Alighieri? Libera Chiesa in libero Stato e... dimissioni del Riccardi dalla Presidenza della Società Dante Alighieri. Giosuè Carducci, il fondatore, aveva una visione diametralmente opposta del ruolo che La Dante deve svolgere in Italia e nel mondo per difendere l'italianità, da quella del Riccardi,.. troppo papalino. Il Signor Riccardi occupa diverse cariche e svolge diversi ruoli. Trovo difficile riconoscermi in tutte le posizioni che egli prende pubblicamente, soprattutto quando si esprime come Presidente della Sant'Egidio. Il Signor Riccardi è ANCHE Presidente della Società Dante Alighieri fondata da un laico come Giosuè Carducci. La laicità è stata da allora una costante della Società Dante Alighieri. Lo è ancora? La difesa della italianità nel mondo non deve avere una connotazione cattolica, come spesso avviene ora. Da Presidente della Dante di Montreal non mi sento rappresentato dal Signor Riccardi che sottolinea nei suoi numerosi e frequenti interventi il suo apostolato sociale di chiara radice cattolica. Tengo a sottolineare che i soci della Dante di Montreal sono di diverse origini etniche e di diverse fedi religiose (tra cui l'ebraica). Cosa fare oer evitare di far corrispondere italianità con cattolicesimo? Il Signor Riccardi prenda in seria considerazione la possibilità di rassegnare le sue dimissioni come Presidente della Società Dante Alighieri. NON è la persona giusta per il ruolo che occupa. E lo dico senza nessuna offesa nei suoi confronti.


Riccardi Andrea: I libri

Riccardi Andrea: La Rassegna Stampa

Riccardi Andrea: I Video

Riccardi Andrea:

Riccardi Andrea: Social Network

Riccardi Andrea: Dossier