RICCARDI ANDREA
SOCIAL JUNCTION
 
Un "esercito" di oltre 70.000 giovani spietati controlla il traffico di droga, gestisce attività criminose, controlla interi quartieri. Andrea Riccardi nel suo ultimo articolo su SETTE ci porta in Honduras, El Salvador e Guatemala, per raccontarci una guerra spietata, di tutti contro tutti.

In Centro America c`è una guerra, non di carattere ideologico - come le guerriglie marxiste di ieri - o religioso, come in Medio Oriente. Eppure è una vera guerra condotta dalle maras, bande mafiose giovanili. È un "esercito" di più di 70.000 giovani, combattivi e spietati, che controllano il traffico di droga, gestiscono estorsioni e attività criminose, controllano interi quartieri e località. Sono giovani, perché molti di essi muoiono nello scontro con le forze di polizia o l`esercito. Ma ci sono sempre nuove reclute pronte a rimpiazzarli. E uccidono. Nel piccolo El Salvador, con sei milioni di abitanti, sono state assassinate 4.000 persone nel corso del 2014. Non si tratta solo di una storia salvadoregna, ma riguarda anche l`Honduras e il Guatemala. In realtà, la vicenda delle maras è cominciata a Los Angeles, negli Stati Uniti, durante gli anni Ottanta. Qui i giovani immigrati salvadoregni, che avevano alle spalle una guerra civile, ricalcarono la forma delle bande giovanili americane, probabilmente come autodifesa dagli altri gruppi. Infatti le maras sono oggi un grave problema anche negli Stati Uniti, mentre fanno sentire la loro presenza pure in Italia con l`immigrazione centroamericana. Sono un problema globale. I grandi cartelli mafiosi messicani si sono accorti della loro forza e le utilizzano per le loro attività criminose.
La violenza giovanile, tipica di vari Paesi centroamericani, ha trovato una forma organizzativa forte, che integra attraverso rituali iniziatici e mafiosi, e offre una rete di solidarietà: quasi una "nuova famiglia" a ragazzi sbandati e in cerca d`identità. Tatuaggi complessi segnano il corpo dei mareros e qualificano la loro appartenenza alle varie organizzazioni.11 carcere, dove molti di loro finiscono, comporta un modo diverso - non meno efficace - di vivere la solidarietà mafiosa. Tutta la loro vita si svolge all`insegna della cultura della violenza e della morte: i mareros sanno che avranno un`esistenza breve, ma possono avere - subito e fin da ragazzi - potere e risorse finanziarie, soprattutto fare una vita che si potrebbe definire avventurosa (se non fosse tanto triste e
segnata dal sangue sparso). Reclutano tra i ragazzi dei quartieri periferici, spesso isolati e senza lavoro. Non è facile sottrarsi alla loro pressione e al controllo sociale che esercitano. Spesso chi lo fa muore. Tra le maras e lo Stato c`è guerra. I giovani mafiosi sono temibili, perché forti economicamente, pronti a rischiare la vita, radicati sul territorio. Lo Stato non li batte con la forza. Sia in El Salvador che in
Honduras, ci sono state tregue e prospettive di negoziati. È un fatto rivelatore di come le maras abbiano la dimensione di organizzazioni guerrigliere, con cui lo Stato deve fare realisticamente i conti. Eppure, a differenza delle guerriglie, non sono ispirate da alcuna ideo- logia e non fanno politica: non possono essere integrate nella vita pubblica e nelle istituzioni (e non ne hanno il desiderio né la capacità). Il contrasto attivo di queste mafie si deve accompagnare a una profonda bonifica sociale. Ma è un processo lento. Eppure questo è il grande problema del nostro tempo post-ideologico: una violenza diffusa, che assume l`aspetto di una guerra. Una violenza, come modo di vivere, che - senza verniciature ideologiche - si rivela nel suo orrore.
 
21 Luglio 2017


 
19 Luglio 2017

Andrea Riccardi è la persona giusta per la Presidenza della Società Dante Alighieri? Libera Chiesa in libero Stato e... dimissioni del Riccardi dalla Presidenza della Società Dante Alighieri. Giosuè Carducci, il fondatore, aveva una visione diametralmente opposta del ruolo che La Dante deve svolgere in Italia e nel mondo per difendere l'italianità, da quella del Riccardi,.. troppo papalino. Il Signor Riccardi occupa diverse cariche e svolge diversi ruoli. Trovo difficile riconoscermi in tutte le posizioni che egli prende pubblicamente, soprattutto quando si esprime come Presidente della Sant'Egidio. Il Signor Riccardi è ANCHE Presidente della Società Dante Alighieri fondata da un laico come Giosuè Carducci. La laicità è stata da allora una costante della Società Dante Alighieri. Lo è ancora? La difesa della italianità nel mondo non deve avere una connotazione cattolica, come spesso avviene ora. Da Presidente della Dante di Montreal non mi sento rappresentato dal Signor Riccardi che sottolinea nei suoi numerosi e frequenti interventi il suo apostolato sociale di chiara radice cattolica. Tengo a sottolineare che i soci della Dante di Montreal sono di diverse origini etniche e di diverse fedi religiose (tra cui l'ebraica). Cosa fare oer evitare di far corrispondere italianità con cattolicesimo? Il Signor Riccardi prenda in seria considerazione la possibilità di rassegnare le sue dimissioni come Presidente della Società Dante Alighieri. NON è la persona giusta per il ruolo che occupa. E lo dico senza nessuna offesa nei suoi confronti.


Riccardi Andrea: I libri

Riccardi Andrea: La Rassegna Stampa

Riccardi Andrea: I Video

Riccardi Andrea:

Riccardi Andrea: Social Network

Riccardi Andrea: Dossier