RICCARDI ANDREA
SOCIAL JUNCTION
 

Il loro, dice Francesco, è il "martirio di oggi". Adesso non si può più assistere impotenti

Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana 

I cristiani soffrono in tante parti del mondo. A ottobre l'Isis ha assassinato tre cristiani assiri in Siria. Il fatto non ha suscitato reazioni, anche perché gli assiri sono un gruppo piuttosto malvisto da vari settori cristiani per un'antica diffidenza. L`accaduto è un segno preoccupante anche per altri 253 assiri rapiti dall'Isis. I terroristi chiedono un riscatto. Il loro vescovo, Afram Athnil, che vive tra il territorio dei curdi e quello di Assad, ha scritto all`Isis, dichiarando che i cristiani sono pacifici e non combattono nel conflitto. Purtroppo è stato lasciato solo. Ma, nonostante la debolezza della sua Chiesa, è riuscito a liberare più di 150 dei suoi. 
Mappa dei luoghi dove i cristiani sono perseguitati
Così soffrono i cristiani. Papa Francesco ne ha parlato come del "martirio contemporaneo". Oggi, forse, i media sono un po` più attenti ai perseguitati. Qualche giorno fa hanno dato notizia di un triste fatto accaduto nelle Filippine: nove cristiani uccisi e un villaggio attaccato dai ribelli islamici. Ma cosa si può fare? Non c`è una risposta facile. Ma non bisogna rassegnarsi alla loro sofferenza come a qualcosa di normale. La guerra, poi, peggiora sempre la loro condizione: í conflitti in Iraq e Siria hanno distrutto le comunità cristiane. Ci vuole subito la pace! Ma non basta. Talvolta i cristiani sono un obiettivo per la loro vita pacifica o per la loro fede. Colpirli rappresenta, per gli estremisti islamici, una specie di legittimazione. È necessario monitorare le situazioni di rischio che li vedono coinvolti: è un'esigenza che interroga la Chiesa cattolica, le altre Chiese o le istanze ecumeniche. Non si può prevenire e aiutare di più? Non sempre è facile. Ma non si può assistere impotenti. Laddove è possibile, si deve provare a intervenire con intelligenza, solidarietà e coinvolgimento della comunità internazionale.
Non bisogna vergognarsi di dire che - lo ha fatto il Papa - i cristiani oggi sono la comunità religiosa più perseguitata al mondo. Questo è anche una lezione umana per noi che viviamo al sicuro. Chiede preghiera e solidarietà da parte nostra per quanti soffrono. Ma ci apre anche a una comprensione del cristianesimo oggi come di una comunità umile, sofferente, povera. Non per nutrire il vittimismo o legittimare "crociate", ma per capire meglio la realtà del cristianesimo oggi e vivere in maniera conseguente. •
 
21 Luglio 2017


 
19 Luglio 2017

Andrea Riccardi è la persona giusta per la Presidenza della Società Dante Alighieri? Libera Chiesa in libero Stato e... dimissioni del Riccardi dalla Presidenza della Società Dante Alighieri. Giosuè Carducci, il fondatore, aveva una visione diametralmente opposta del ruolo che La Dante deve svolgere in Italia e nel mondo per difendere l'italianità, da quella del Riccardi,.. troppo papalino. Il Signor Riccardi occupa diverse cariche e svolge diversi ruoli. Trovo difficile riconoscermi in tutte le posizioni che egli prende pubblicamente, soprattutto quando si esprime come Presidente della Sant'Egidio. Il Signor Riccardi è ANCHE Presidente della Società Dante Alighieri fondata da un laico come Giosuè Carducci. La laicità è stata da allora una costante della Società Dante Alighieri. Lo è ancora? La difesa della italianità nel mondo non deve avere una connotazione cattolica, come spesso avviene ora. Da Presidente della Dante di Montreal non mi sento rappresentato dal Signor Riccardi che sottolinea nei suoi numerosi e frequenti interventi il suo apostolato sociale di chiara radice cattolica. Tengo a sottolineare che i soci della Dante di Montreal sono di diverse origini etniche e di diverse fedi religiose (tra cui l'ebraica). Cosa fare oer evitare di far corrispondere italianità con cattolicesimo? Il Signor Riccardi prenda in seria considerazione la possibilità di rassegnare le sue dimissioni come Presidente della Società Dante Alighieri. NON è la persona giusta per il ruolo che occupa. E lo dico senza nessuna offesa nei suoi confronti.


Riccardi Andrea: I libri

Riccardi Andrea: La Rassegna Stampa

Riccardi Andrea: I Video

Riccardi Andrea:

Riccardi Andrea: Social Network

Riccardi Andrea: Dossier