RICCARDI ANDREA
SOCIAL JUNCTION
 
La guerra ruba la vita e l'infanzia con violenza, bombe e restrizioni. Ma anche i piccoli che Daesh vuole trasformare in uomini "nuovi" sono schiacciati dall'odio 

Bisogna vedere la guerra in Siria (e ogni guerra) anche con gli occhi dei bambini. Nel 2013, visitando i campi dei rifugiati siriani in Libano, fui colpito dai disegni dei bambini in una scuola tenuta da due gesuiti: rappresentavano la casa perduta in Siria, spesso con figure violente o incendi. I bambini sono le vittime principali di questa guerra. Qualche giorno fa ne sono morti undici ad Aleppo per i terribili barili-bomba sganciati dagli elicotteri del governo. Nella parte governativa della città e in quella dei ribelli vivono 130.000 bambini. I più piccoli non hanno conosciuto nella loro vita altro che la guerra. La guerra ha rubato la loro infanzia. Ma i bambini non sono solo vittime delle violenze o delle restrizioni imposte dal conflitto. Sono anche attori di violenza: bambini soldato o kamikaze, come il ragazzo di Gaziantep, in Turchia, fattosi esplodere tra i curdi in una festa di matrimonio (tra gli oltre cinquanta morti: 29 bambini e adolescenti). A Kirkuk, un bambino con la cintura esplosiva è stato preso dalla polizia curda.

Si tratta dei "cuccioli del califfato". Così li chiama un video del Daesh, che mostra una classe di ragazzi vestiti di nero, che passano dallo studio alla violenza, uccidendo crudelmente sei ostaggi nell'antica fortezza di Rahba. Il video fa parte della propaganda sul web. Si vuole dare un'immagine eroica del ragazzo islamista per intercettare la ribellione dei giovani occidentali spaesati (non tutti di famiglia musulmana) e radicalizzarli, proprio quando il numero dei Foreign fighters adulti cala. I video di questo tipo sono parecchi: un anno fa, in uno di questi, ragazzi di 13/14 anni sparavano su 25 vittime nello storico anfiteatro di Palmira. Un altro, più recente, mostra cinque bambini (tra cui un britannico) uccidere cinque curdi con un colpo di pistola alla nuca. Purtroppo non è solo propaganda. Il Daesh organizza una scuola dell'odio e della violenza per bambini e giovani dei territori controllati in Siria e in Iraq. Sono le altre vittime di questa guerra.

Un insegnante, fuggito dal "califfato", ha detto: "è una generazione perduta che cresce con una minoranza di estremisti e una maggioranza di illetterati". Tra gli estremisti, ci sono i ragazzi combattenti o i kamikaze, addestrati a scuola e in campi speciali. Una generazione perduta. Uno dei motivi principali, per cui le famiglie fuggono dai territori di Daesh, è sottrarre i figli alla scuola islamista o al reclutamento forzato. Daesh viene presentato ai ragazzi (tolti ai genitori) come una nuova famiglia. Con la formazione dei piccoli, il "califfato" vuole creare un "uomo nuovo jihadista". Agisce su di loro sistematicamente con un'educazione fondata sull'odio e il culto della violenza. I regimi totalitari - come ha spiegato George Mosse per nazismo e fascismo - vogliono realizzare un "uomo nuovo" per costruire una società rinnovata. I giovani sono decisivi in questa operazione, perché senza storia. Anche Pol Pot, nella tragica vicenda della Cambogia dei khmer rossi, utilizzò i bambini per controllare e uccidere gli adulti.

L'uomo nuovo jihadista deve crescere in fretta con una scuola di coercizione totalitaria. Per lui, fin dall'infanzia, tutto è islam. Il 40% dell'insegnamento è dedicato al Corano e alla sharia, la legge islamica. È inculcato un odio particolare, oltre che per gli occidentali, soprattutto per i musulmani "apostati", tutti quelli che non si identificano con Daesh. I figli del califfato crescono in un cupo orizzonte, chiuso e dominato dall'odio per quanto non è islam: "L'educazione è fondata sulla violenza" - ha raccontato un testimone. Basta vedere l'uso della fraseologia bellica nell'educazione. Qualcuno fugge e racconta storie terribili. Anche qualche giovane kamikaze si è sottratto al compito di uccidere. I racconti ci fanno vedere, attraverso i loro occhi, una terribile macchina totalitaria, montata con un incrocio di fanatismo e follia di potere. I piccoli sono ancora una volta le vittime.

Articolo di Andrea Riccardi sul magazine "Sette" del Corriere della Sera del 9 settembre 2016
 
21 Luglio 2017


 
19 Luglio 2017

Andrea Riccardi è la persona giusta per la Presidenza della Società Dante Alighieri? Libera Chiesa in libero Stato e... dimissioni del Riccardi dalla Presidenza della Società Dante Alighieri. Giosuè Carducci, il fondatore, aveva una visione diametralmente opposta del ruolo che La Dante deve svolgere in Italia e nel mondo per difendere l'italianità, da quella del Riccardi,.. troppo papalino. Il Signor Riccardi occupa diverse cariche e svolge diversi ruoli. Trovo difficile riconoscermi in tutte le posizioni che egli prende pubblicamente, soprattutto quando si esprime come Presidente della Sant'Egidio. Il Signor Riccardi è ANCHE Presidente della Società Dante Alighieri fondata da un laico come Giosuè Carducci. La laicità è stata da allora una costante della Società Dante Alighieri. Lo è ancora? La difesa della italianità nel mondo non deve avere una connotazione cattolica, come spesso avviene ora. Da Presidente della Dante di Montreal non mi sento rappresentato dal Signor Riccardi che sottolinea nei suoi numerosi e frequenti interventi il suo apostolato sociale di chiara radice cattolica. Tengo a sottolineare che i soci della Dante di Montreal sono di diverse origini etniche e di diverse fedi religiose (tra cui l'ebraica). Cosa fare oer evitare di far corrispondere italianità con cattolicesimo? Il Signor Riccardi prenda in seria considerazione la possibilità di rassegnare le sue dimissioni come Presidente della Società Dante Alighieri. NON è la persona giusta per il ruolo che occupa. E lo dico senza nessuna offesa nei suoi confronti.


Riccardi Andrea: I libri

Riccardi Andrea: La Rassegna Stampa

Riccardi Andrea: I Video

Riccardi Andrea:

Riccardi Andrea: Social Network

Riccardi Andrea: Dossier